06 maggio 2011

Se guardi bene

Se guardi bene,
sto lì vicino:
sono quel bambino che sorride,
quel gelato che rinfresca,
sono la tresca raccontata dal barista
e la lista della spesa che stai scrivendo,
sono l'orologio del campanile,
la polvere del cortile
a l'acqua con cui stai bagnando il tuo fiore;
e allora cosa importa la distanza,
l'arroganza del tempo
e di ogni cosa finita:
io sarò sempre un nuovo momento,
un piccolo pezzo della tua vita.

2 commenti:

Fazer33 ha detto...

Molto pertinente al contesto del nostro momento storico-culturale; oggi tutti cercano un posto al sole e tralasciano il lusso delle piccole cose...

Anonimo ha detto...

bellissima.