07 maggio 2007

Primi di Maggio

Si ripetono violacei
i primi giorni di Maggio
mentre un raggio di sole
s'affaccia stranito
sul selciato bagnato di pioggia:
c'è chi sfoggia un vestito leggero,
chi invece è più infreddolito
e giorni tumefatti,
ferite d'infinito
che qualcuno ha violentato.

Attento:
se cogli un fiore dal prato muore,
se cogli un fiore perde il suo colore.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

si, è vero. questa poesia mi fa pensare a Leonardo...

StePius ha detto...

Perchè va in giro col maglione?